Eurozona, indice PMI composito in crescita a marzo

A marzo l’indice PMI composito dell’Eurozona, calcolato da IHS Markit, ha registrato un aumento a 53.2 punti, portandosi oltre i 52.5 punti previsti dal consensus e oltre la soglia di non cambiamento dei 50 punti. Il mese precedente l’indicatore si era fermato in territorio “contrazione”, a 48.8 punti. «La manifattura è in vigorosa crescita, guidata dall’impennata della produzione tedesca, mentre il settore terziario, colpito più severamente, si sta avvicinando ad una stabilizzazione», spiega l’economista Chris Williamson.

Eurozona: rallenta ancora l’indice PMI della produzione

Secondo la stima flash pubblicata da IHS markit sull’indice PMI della produzione composita, l’Eurozona ha registrato un nuovo rallentamento della crescita dell’attività economica. Ad ottobre, stando alle previsioni, l’indicatore si è infatti attestato poco sopra i 50 punti che separano una fase di contrazione dell’attività da una fase di espansione: a 50,3 punti, rallentando rispetto ai 50,6 del mese precedente. Si tratterebbe della seconda minore espansione della produzione del manifatturiero e del terziario da luglio 2013.