Nel I trimestre i prezzi delle case sono aumentati


Brusco calo però per le compravendite

Nel primo trimestre del 2020 l’indice dei prezzi delle abitazioni acquistate dalle famiglie ha registrato una crescita dello 0,9% a livello congiunturale e dell’1,7% a livello tendenziale, confermando la ripresa già osservata nella seconda parte del 2019. Allo stesso tempo si è però registrata una marcata contrazione dei volumi di compravendita, scesi – secondo l’Agenzia delle Entrate, del 15,5% rispetto al primo trimestre di un anno fa. Tuttavia, l’Istat sottolinea che per osservare l’impatto sui prezzi delle case della crisi legata all’emergenza sanitaria bisognerà aspettare le rilevazioni relative al secondo trimestre e ai successivi.


Gentiloni: «Incertezza pandemia peserà su previsioni»


E sul MES: «L’Italia è uno dei Paesi che ne ha più bisogno»

Nel corso di un’audizione alla Commissione Politiche europee alla Camera dei Deputati il commissario europeo all’Economia, Paolo Gentiloni, ha avvertito che «l’incertezza legata agli sviluppi della pandemia di coronavirus peserà sulle previsioni economiche di luglio della Commissione europea che saranno diffuse la settimana prossima». «La Commissione – ha poi spiegato – ha previsto una crescita negativa del 7,5% quest’anno e a due cifre nei quattro grandi paesi europei. Certo che ci troviamo ancora di fronte a una coda lunga di incertezza». Il Commissario Ue, infatti, ha poi aggiunto che «nonostante tutti i paesi Ue abbiano registrato un calo dei livelli di contagio, certamente siamo di fronte a una incertezza dovuta al fatto che nessuno può prevedere come sarà nei prossimi mesi». «Nelle nostre previsioni economiche – ha specificato – questa incertezza si farà sentire nei ritmi della possibile auspicata ripresa, che ci sarà, ma che potrebbe rivelarsi contrastata». Parlando poi del MES (ovvero il Meccanismo europeo di stabilità), l’ex presidente del Consiglio ha ricordato come l’Italia sia «uno dei Paesi che avrebbe maggior interesse ai fondi del MES, perché ha tassi di restituzione del debito più elevati». Ma, «bisogna vedere se il gioco vale la candela – ha sottolineato -, ma questa è una valutazione che spetta al governo italiano. Io come commissario ho sempre lavorato affinché questi prestiti fossero senza condizionalità e a condizioni molto favorevoli e affinché le condizioni del MES fossero fatte in modo anticipato, non durante l’erogazione».


Concorrenza fiscale sleale


Antitrust: «All’Italia costa 5-8 miliardi all’anno»

Roberto Rustichelli, presidente dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato, durante un’audizione alla Camera, nell’ambito del “programma di lavoro della Commissione europea per il 2020” ha parlato della concorrenza sleale a livello europeo in materia fiscale, spiegando che secondo alcune ricerche, «il fisco italiano perde la possibilità di tassare oltre 23 miliardi di dollari di profitti». Questo perché «11 miliardi di profitti vengono spostati in Lussemburgo, oltre 6 miliardi in Irlanda, 3,5 miliardi in Olanda e oltre 2 miliardi in Belgio 5. Ciò comporta un danno per l’Italia che può essere stimato tra i 5 e gli 8 miliardi di dollari l’anno».


Imprese, Bankitalia prevede un calo del fatturato del 7%


Nel primo semestre del 2020 -25,8%

Per il 2020 la Banca d’Italia prevede un calo del fatturato delle imprese di circa il 7 per cento, dopo aver già ristagnato nel corso del 2019. Nei primi mesi di quest’anno, spiegano infatti da via Nazionale, l’indice è diminuito del 25,8% a causa del coronavirus e del relativo lockdown. «La contrazione più forte è- si legge nell’indagine – per le imprese operanti nel commercio, nel comparto alberghiero e della ristorazione (-37,5 per cento) e in quello del tessile, abbigliamento, pelli e calzature (-32,2 per cento)».


Dl Rilancio, da oggi si può richiedere il bonus vacanze


Possono usufruirne i nuclei familiari con Isee fino a 40mila euro

 È operativo da oggi il bonus vacanze introdotto con il dl Rilancio. Il bonus è disponibile per i nuclei familiari con un reddito ISEE entro i 40mila euro ed è pari ad un massimo di 500 euro a famiglia, di cui l’80% è utilizzabile in forma di sconto su quanto dovuto per il servizio, mentre la quota restante sarà restituito come detrazione in seguito alla dichiarazione dei redditi. Il bonus, fa sapere il MiBACT, si potrà richiedere ed utilizzare fino al 31 dicembre 2020. L’importo del Bonus – erogato e spendibile attraverso l’App IO, esclusivamente mediante SPID – dipende dal numero dei componenti del nucleo familiare: 500 euro per i nuclei composti da tre o più persone, 300 euro per quelli composti da due persone e 150 euro per quelli composti da una persona.