Delude il presidente statunitense, apparso spesso in confusione

Va a Donald Trump, il primo dibattito con il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, in vista delle elezioni presidenziali di novembre. Nel corso del faccia-a-faccia, durato quasi 90 minuti e ospitato dalla CNN, sono stati tanti i temi affrontati, dall’economia – tema caro all’elettorato statunitense, solitamente molto sensibile alle questioni domestiche –, al fisco, all’inflazione, passando per l’aborto, all’immigrazione e al sostegno alla resistenza ucraina all’invasione russa. Nel complesso, secondo i commentatori, Trump è sembrato molto più energico e reattivo rispetto a Biden, apparso spesso in confusione: il presidente in carica ha perso infatti in più occasioni il filo del discorso e la voce roca – lo staff ha dato la responsabilità ad un raffreddore – non lo ha aiutato a sembrare convincente. Quello di stanotte non è l’unico dibattito in programma tra i due: ne è previsto anche un secondo, organizzato dalla ABC News il 10 settembre, quando le nomination di entrambi i candidati saranno state ufficializzate, salvo eventuali sorprese: la performance dell’attuale inquilino della Casa Bianca ha sollevato qualche dubbio nel Partito democratico (non è da escludere una sostituzione in corsa). Nel frattempo, sono previsti altri appuntamenti: all’inizio di luglio sarà nota la pena che Trump dovrà scontare, poi si terranno le convention dei due partiti. Quella del Partito repubblicano è in programma il 15 luglio, a Milwaukee, in Wisconsin, i democratici invece si riuniranno ad agosto, a Chicago, nell’Illinois, tra il 19 e il 22 agosto.