Arrestato un soggetto di 43 anni

La questura di Lecce ha condotto un’operazione di contrasto alla vendita illegale di fuochi d’artificio e materiale esplosivo in vista delle prossime festività, denominata “Santa Barbara”. Nel corso del blitz, i poliziotti del commissariato di Gallipoli hanno arrestato un uomo di 43 anni noto per precedenti penali specifici. L’arrestato è stato fermato all’interno di un box auto di un immobile alle porte della città, dove sono stati scoperti oltre cinque quintali di materiale esplosivo, parte dei quali in corso di fabbricazione. Il materiale sequestrato risultava per la maggior parte privo delle necessarie certificazioni ed omologazioni italiane ed europee e lo stoccaggio avveniva in un locale non idoneo, aumentando il rischio di incidenti e mettendo a serio pericolo la popolazione circostante. All’interno del box, sono state rinvenute diverse sostanze, tra cui polveri sfuse, micce, stoppini, spolette e razzi, tutti utilizzati nel confezionamento degli ordigni. Il materiale confiscato, spiega la Polizia, è stato considerato altamente pericoloso, sensibile agli urti, sfregamenti e al calore, potenzialmente in grado di causare danni a cose e persone in determinate condizioni. Oltre al sequestro, l’uomo è stato arrestato con l’accusa di detenzione illegale di materiale esplosivo, confezionamento e fabbricazione di tale materiale, nonché omissione di denuncia all’Autorità di Pubblica Sicurezza.