Tre le vittime. Il nosocomio è stato posto sotto sequestro

È stata avviata un’indagine per omicidio colposo plurimo e incendio colposo, a carico di ignoti, per l’incendio che venerdì 8 dicembre, intorno alle 22,30, è divampato all’ospedale San Giovanni Evangelista di Tivoli causando tre vittime, tutte donne di oltre 80 anni, pazienti della struttura. A prendere fuoco sarebbe stato un cumulo di rifiuti, secondo i primi riscontri, e si cerca di appurare se i sistemi antincendio abbiano avuto un malfunzionamento. Sei attendono gli esiti degli esami autoptici sui corpi delle vittime, ma secondo quanto spiegato dal magistrato che si occupa della vicenda, «nessuno è morto tra le fiamme». La struttura era già stata inserita tra gli otto peggiori ospedali d’Italia dall’Agenas.