«Solo il 20% degli italiani pronto alle vacanze»


In pochi si dicono disposti a viaggiare, finita l’emergenza

La cosiddetta Fase 2 è iniziata ufficialmente oggi, ad un passo da un’estate che si preannuncia molto diversa dalle altre. Seppure meno preoccupati dall’emergenza sanitaria, cresce la quota degli italiani che «non si muoverà per fare una vacanza anche dopo la fine dell’emergenza», passando dal 53% di marzo al 57% di aprile. A rivelarlo è un sondaggio di Confturismo e Confcommercio realizzato in collaborazione con Swg. Saranno, dunque, pochissimi gli italiani che andranno in vacanza. “Solo” il 20% degli italiani si dice pronto a viaggiare, una volta conclusa l’emergenza, un numero troppo esiguo per il turismo italiano. A questi si aggiungono quanti non lo faranno per altri motivi: alcuni rinunceranno alle vacanze per motivi economici – a confessarlo è stato il 15% degli intervistati –, altri, invece, lo faranno per impegni lavorativi (8%). Che estate dobbiamo aspettarci, dunque? A rispondere sono sempre Confcommercio e Confturismo, spiegando che «le vacanze degli italiani» assomiglieranno «ai cosiddetti “short break” di mezza stagione, con un impatto molto più ridotto sui consumi». Questo sondaggio delinea un quadro preoccupante, per uno dei settori strategici dell’economia italiana. La sua salvaguardia è un interesse vitale per il nostro Paese. Non farlo significherebbe mettere a rischio 3,5 milioni di posti di lavoro, pari al 15% dell’occupazione totale. Tante sono le persone impiegate nel comparto, secondo i dati dell’Enit, l’Agenzia nazionale del turismo.