Governo, Di Maio: «Non c’è uno scontro con il premier»


Il capo politico del M5S boccia la proposta di Zingaretti di “unirsi contro la destra”

Il governo traballa? Non per il ministro degli Esteri e capo politico del Movimento 5 stelle, Luigi Di Maio, che nega tutto, assicurando che non c’è uno scontro in corso con il presidente del Consiglio Giuseppe Conte. «Continuo a pensare che Conte sia uno dei migliori presidenti del Consiglio che l’Italia abbia mai avuto. Vuole bene a questa nazione, ha il mio sostegno. Non c’è mai stato uno scontro con Giuseppe Conte. Al massimo un dibattito, un confronto con gli altri partiti della coalizione», ha assicurato, intervenendo a 24 mattino, in onda su Radio 24. Rassicurando tutti sulla stabilità dell’esecutivo, Di Maio non ha negato comunque le difficoltà. «È nato due mesi fa in una situazione non semplice. Si sta rodando, anche se ieri il ministro dei Rapporti con il Parlamento, Federico D’Inca, mi diceva che a livello parlamentare i gruppi lavorano meglio. Io profonderò tutte le mie energie per fare in modo che il governo realizzi il programma nei prossimi tre anni», ha aggiunto. Quanto durerà l’esperienza governativa? «Secondo me, questo governo regge fino a quando farà le cose per gli italiani». La proposta del segretario del Partito democratico Nicola Zingaretti, lanciata – «presentarsi uniti contro la destra davanti agli elettori» – non piace a Di Maio: «Questa idea da anni ’70 “uniti contro le destre o uniti contro le sinistre” non ci appartiene».