I giudici: da Ryanair condotta antisindacale


In attesa di sapere cosa succederà in Alitalia – l’incontro al ministero dello sviluppo economico con le federazioni sindacali di categoria di Cgil, Cisl, Uil ed Ugl è stato per molti versi interlocutorio, anche se è servito al ministro Luigi Di Maio per confermare lo stop alle offerte il 15 luglio e per evidenziare una crescita nei ricavi e nei passeggeri trasportati -, arriva una notizia interessante sul fronte sindacale. Il Tribunale di Busto Arsizio ha confermato la posizione presa in prima istanza circa il comportamento antisindacale di Ryanair. Il riferimento è all’articolo 28 della legge 300/1970, lo Statuto dei lavoratori, che per l’appunto è volto a reprimere l’eventuale atteggiamento contrario alle prerogative sindacali posto in essere da una impresa. Il tema è importante perché il rispetto delle tutele sindacali ha ricadute positive sugli stessi utenti. Si pensi, ad esempio, alla salute e alla sicurezza sul lavoro o al rispetto degli orari di lavoro.