Primo incontro al ministero dello Sviluppo economico del tavolo di monitoraggio dell’accordo Almaviva, alla presenza della viceministro Teresa Bellanova. Sindacati, azienda e amministrazioni locali si sono riuniti ieri per ascoltare lo stato di attuazione degli impegni presi da parte della dirigenza aziendale.
“L’esito del primo tavolo di monitoraggio dell’accordo Almaviva – hanno dichiarato Antonio Vitti della segreteria nazionale dell’Ugl Telecomunicazioni e Riccardo Catalinotto coordinatore delle rsu Ugl in Almaviva Contact -ci ha consegnato un quadro con alcune luci e qualche ombra. Sarà nuovamente aggiornato al prossimo incontro in calendario per il 1° agosto 2016”.
Nel merito, l’azienda ha dichiarato perdite per circa 1,5 milioni di euro al mese, ma almeno a parziale compensazione delle perdite c’è un recupero del traffico verso la Romania. “La situazione delle commesse – hanno spiegato i sindacalisti – è la seguente: con Enel il quadro resta incerto in attesa di un incontro che avverrà a breve; dall’Inps si è ottenuta una proroga fino a fine anno; Alitalia scade a fine del 2017, mentre per Wind non vengono rispettati i volumi contrattualizzati; la commessa Tim Palermo impegna 550 unità ma le tariffe non coprono tutte le spese, in parte compensate dall’attività di out bound. Sono in trattativa nuove commesse: con Enel distribuzione per circa 140 fte e con Cup Lazio per circa 800 lavoratori”.
Le richieste dell’Ugl al governo e all’azienda sono chiare: “provvedere con urgenza all’espletamento delle pratiche per il decreto di stanziamento delle risorse per il contratto di solidarietà e  il massimo impegno affinché possa proseguire la commessa Enel su Palermo”.