Gli SPartiti uniti, la “tregua di Natale” della politica italiana


Un gruppo bipartisan di parlamentari incide un motivo, i ricavati alla Lega del filo d’Oro

In un periodo in cui si fa un gran parlare – spesso anche a sproposito – di odio in politica, fermo restando che bisognerebbe mantenere sempre modi civili, rispettando il diritto dell’altro a dire la sua, senza però annacquare la contrapposizione, vitale per la democrazia, in occasione del Natale un gruppo di deputati e senatori, appartenenti sia alle forze di maggioranza che di opposizione, ha deciso di dar vita a un’iniziativa positiva comune. Perché ci sono valori che devono unire tutti. Si tratta di un pezzo musicale a scopo benefico, cantato e suonato da politici appassionati di musica, inciso nelle ultime settimane e lanciato a ridosso delle feste. Il brano si intitola “Onorevole Natale” e i parlamentari hanno dato anche un nome alla propria “band”, gli SPartiti uniti, proprio per sottolineare il carattere trasversale dell’iniziativa. Ne fanno parte, infatti, Francesco Paolo Sisto di Forza Italia, animatore del progetto, che ha scritto il pezzo e suona anche il piano, Giorgio Mulè (FI) al flauto, Michele Nitti (M5s) per la consulenza artistica, Maurizio Buccarella (Misto) alla chitarra. Le voci sono di Ylenja Lucaselli, Maria Teresa Bellucci e Walter Rizzetto di Fratelli d’Italia, Patty L’Abbate, Elisa Tripodi e Francesca Galizia del Movimento 5 Stelle, Carmelo Miceli del Pd e Mauro D’Attis di FI. Il gruppo sarà rinforzato con la presenza di Massimo Garavaglia della Lega, appassionato di batteria. L’aspetto meritorio di questo simpatico progetto, al di là delle doti musicali e canore degli onorevoli, è che l’intero ricavato del brano, disponibile in rete e su Cd, sarà devoluto alla “Lega del filo d’oro”, l’ente benefico che dal 1964 si occupa di assistenza, riabilitazione e inserimento delle persone sordo-cieche.  «Un’esperienza bellissima, andata oltre ogni migliore aspettativa – ha detto Sisto – abbiamo ribadito che nella vita e nella politica ciò che conta sono le persone, con quello che sono nel profondo del proprio cuore. I politici sono spesso anche fragili e sicuramente nel nome di un bel gesto sono pronti a dimenticare le diversità. Questa iniziativa dimostra che una buona politica è anche una politica buona». “Onorevole Natale” è solo il primo brano degli SPartiti Uniti, che hanno intenzione di replicare, sempre nel segno della solidarietà.


Accordo all’Ast di Terni per la cessione di permessi


Fortunatamente la solidarietà continua a vivere nelle fabbriche e nei luoghi di lavoro. Abituati, come siamo, a sentire parlare della Asta di Terni solo per l’occupazione a rischio, colpisce positivamente l’accordo appena sottoscritto delle sigle di categoria, dalla Cisl alla Ugl, in base al quale ogni dipendente dona delle ore di permesso ad un loro collega che ne ha bisogno per assistere il figlio minorenne ricoverato per una grave malattia. Una opportunità riconosciuta dal decreto legislativo 151/2015.


Nuovi lavori: ecco il Case Manager


Il nome, Case manager, è sconosciuto ai più, ma si tratta di una professione purtroppo in crescita. Si tratta di un professionista esperto nella gestione degli strumenti per l’analisi multidimensionali del bisogno e per la progettazione degli interventi rivolti alle famiglie beneficiarie di misure di contrasto alla povertà e sostegno al reddito. In altri termini, è quella figura di supporto che oggi viene attivata dalle istituzioni nell’ambito del reddito di cittadinanza, ma che, più in generale, può essere consultata dagli enti locali per una valutazione complessiva del disagio del nucleo familiare che può derivare da fattori diversi, dalla mancanza di lavoro alla salute, dalla ridotta istruzione alla disabilità, passando per le dipendenze e per eventuali pendenze penali. Nell’ambito delle risorse del Pon Inclusione 2014-2020, l’università di Padova ha avvitato la seconda edizione del corso di formazione universitaria. Il corso, che è gratuito e dà diritto a crediti formativi, si integra con la formazione nazionale di base. Gli ambiti territoriali intenzionati a segnalare gli operatori dovranno farlo entro il 15 ottobre. Nei tre anni saranno selezionati 2.400 partecipanti.


Ex Embraco: lavoratori in sciopero


Oggi lavoratori della ex Embraco, ora del gruppo Ventures, hanno scioperato, dopo 14 mesi di ammortizzatori sociali, chiedendo alla proprietà gli investimenti necessari a far ripartire la produzione, certezze per il proprio futuro e un tavolo ministeriale sulla vertenza. L’allarme nasce dal fatto che restano solo 10 mesi di ammortizzatori sociali per i circa 420 lavoratori. Durante la manifestazione, è stata anche espressa solidarietà per i lavoratori della Whirlpool del sito di Napoli.


La solidarietà ad ore nelle Bcc


La solidarietà entra in banca. È stato sottoscritto da Federcasse e dalle segreterie nazionali delle organizzazioni sindacali Fabi, First Cisl, Fisac Cgil, Sincra Ugl Credito e Uilca un accordo con il quale viene istituita la Banca del tempo solidale nelle Banche di credito cooperativo, nelle Casse rurali e nelle Casse Raiffeisen. Per effetto di questa intesa, il dipendente, che ha esaurito la personale dotazione di ferie e di permessi e che si ritrova ad affrontare gravi e documentate situazioni personali o familiari, ha la possibilità di attingere alla Banca del tempo solidale per ulteriori permessi retribuiti. Tale possibilità è riconosciuta anche ai dipendenti che svolgono attività di rilievo sociale. La Banca del tempo solidale è alimentata da una dotazione, volontaria e a titolo gratuito, da parte dei dipendenti dello stesso istituito di credito che decidono di donare giornate o ore del loro plafond personale di ferie e permessi.