La Renault taglierà migliaia di posti di lavoro


4.600 solo in Francia

La Renault ha lanciato un piano di ristrutturazione per la riduzione di due miliardi di euro di costi in tre anni. La strategia prevede il taglio di quindicimila posti di lavoro in tutto il mondo di cui 4.600 solo in Francia. In una nota diffusa dal gruppo automobilistico si legge: «Questo piano permetterà di rafforzare la resilienza dell’azienda privilegiando la generazione di cashflow, pur continuando a porre il cliente al centro delle priorità. Sarà improntato su un approccio più efficace alle attività operative e su una gestione rigorosa delle risorse».


Automotive, spunta un polo di eccellenza


Nel dl Rlancio, si parla di creazione di un centro nazionale a Torino, a casa Fca

Una vera e propria sorpresa. Il decreto legge Rilancio, appena pubblicato in gazzetta ufficiale, contiene diverse modifiche rispetto a quanto annunciato dal Presidente del consiglio dei ministri, Giuseppe Conte, al termine della riunione di Palazzo Chigi di qualche giorno fa e rispetto pure alle diverse bozze circolate subito dopo. In particolare, l’articolo 49 prevede la realizzazione di un centro nazionale per la ricerca, l’innovazione e il trasferimento tecnologico nel settore automotive nell’area di crisi industriale complessa di Torino, una iniziativa importante per un settore trainante delle economie avanzate, cosa evidenziata più volte dal sindacato, e che, nel nostro Paese, dà lavoro ad oltre 300mila lavoratori, fra diretti ed indiretti. Osservando bene, la decisione di inserire questo articolo arriva subito dopo la notizia che Fca intende approfittare della opportunità della garanzia dello Stato per accedere ad un prestito di 6,3 miliardi di euro.