Navalny, Mosca: «Da Ue teatralità priva di logica»


Così la portavoce del ministero degli Esteri russo

La decisione dell’Unione europea su sanzioni individuali alla Russia per il caso di Alexey Navalny non è altro che «teatralità» priva di «qualsiasi logica». Così la portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, all’emittente Primo Canale. «Questa – ha spiegato – è solo una storia assurda, inventata, sullo sfondo di una campagna informativa. Per l’Europa, che un tempo privilegiava davvero il tema dei diritti umani, ed è ricca di storia e cultura, si tratta di un’umiliazione».


Navalny, Mosca: «Da Strasburgo grave tentativo di interferenza»


Ieri la richiesta di liberare l’oppositore russo

«Un tentativo molto grave di interferenza». Così il Cremlino ha commentato la richiesta della Corte europea dei Diritti dell’Uomo di liberare il dissidente Alexey Navalny. «La decisione è illegale, è un tentativo molto grave di interferenza nei procedimenti giudiziari interni, il che, dal nostro punto di vista, è inaccettabile», ha dichiarato al riguardo il portavoce del presidente russo Vladimir Putin, Dmitri Peskov, stando a quanto riferito dalla Tass.


Navalny, più di 1.300 fermi durante le proteste


Ieri la condanna a 2 anni e 5 mesi

Secondo l’ong OVD-Info, nella giornata di ieri la polizia russa ha effettuato 1.386 fermi durante proteste non autorizzate a sostegno di Aleksey Navalny. Ieri l’oppositore russo è stato condannato a 2 anni e 5 mesi di carcere e dopo l’annuncio della sentenza molti suoi sostenitori si sono riversati nelle strade di Mosca e San Pietroburgo, incoraggiati dallo staff di Navalny, per manifestare la loro contrarietà alla decisione del tribunale di Mosca.


Navalny, Usa condannano Russia. Mosca: «Interferenze»


Anche Ue critica violenza polizia

Le violenze della polizia russa durante le proteste, avvenute per il secondo weekend consecutivo contro la detenzione del dissidente Alexey Navalny, sono state criticate da Unione europea e Stati Uniti. In particolare il segretario di Stato Usa, Antony Blinken, ha denunciato le «tattiche brutali» contro i manifestanti, ma il ministero degli Esteri di Mosca ha definito le critiche «grossolane interferenze» nelle questioni interne della Russia.


Navalny, l’UE chiede il «rilascio immediato»


«Mosca deve garantire sua sicurezza»

La presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha condannato l’arresto di Alexei Navalny avvenuto ieri da parte delle autorità russe al suo ritorno a Mosca. «Le autorità russe devono rilasciarlo immediatamente e garantire la sua sicurezza», ha scritto von der Leyen su Twitter. Anche la Germania, attraverso il ministro degli Esteri, Heiko Maas, ha richiesto il «rilascio immediato».