Coldiretti, il Covid ha spinto le vendite bio


Raggiunti i 3,3 miliardi di euro di valore

Ben 3,3 miliardi di euro valgono i consumi domestici di alimenti biologici in Italia, una cifra record raggiunta grazie alla crescita del 4,4% registrata tra il giugno 2019 e lo stesso mese del 2020. È quanto emerge dal rapporto “Bio in cifre 2020” presentato da Ismea e Coldiretti. Una spinta alla svolta green degli italiani, spiega la Coldiretti, è stata fornita dall’emergenza Covid-19. La situazione emergenziale – sottolinea la Coldiretti – ha consolidato una tendenza alla crescita del settore che va avanti da oltre un decennio.


Coldiretti: salgono i prezzi generi alimentari


Scendono, però, i compensi agli agricoltori

In controtendenza alla deflazione generale salgono i prezzi al consumo nel carrello della spesa, dai salumi (+2,6%) alla pasta (+1,7%), dai formaggi (+1,1%) alla frutta (+10,2%) ma anche carne (+2%) e pesce surgelato (+3,5%). E’ quanto emerge da un’analisi della Coldiretti sui dati Istat relativi all’inflazione a settembre diffusi oggi, in cui segnala tentativi di speculazione al ribasso nei compensi riconosciuti agli agricoltori: «Una situazione paradossale poiché mentre i prezzi al consumo per cibi e bevande aumentano quelli pagati agli agricoltori e agli allevatori spesso diminuiscono».