BCE, la Corte Ue risponde ai giudici tedeschi


«La competenza sul diritto comunitario spetta alla Corte di Giustizia Ue»

Dopo la sentenza della Corte costituzionale tedesca, che lunedì scorso ha imposto alla BCE di giustificare entro tre mesi l’intervento di acquisto di titoli pubblici dei Paesi membri, è arrivata la risposta della Corte di Giustizia europea, secondo la quale solo la Corte Ue può giudicare se l’operato dell’Eurotower è stato giustificato o meno. «Per garantire un’applicazione uniforme del diritto dell’Unione – si legge in un comunicato redatto dall’istituzione – solo la Corte di Giustizia, istituita a tal fine dagli Stati membri, è competente a constatare che un atto di un’istituzione dell’Unione è contrario al diritto dell’Unione». La nota poi prosegue: «Eventuali divergenze tra i giudici degli Stati membri in merito alla validità di atti del genere potrebbero compromettere l’unità dell’ordinamento giuridico dell’Unione e pregiudicare la certezza del diritto».