Economia
0

Industria, fatturato poco mosso ad aprile

Brusco calo degli ordinativi

 «La moderata crescita di marzo e aprile non basta a invertire la tendenza di breve periodo del fatturato che, nella media degli ultimi tre mesi, continua a registrare una flessione congiunturale». Lo spiega l’Istat commentando le ultime rilevazioni sul fatturato e gli ordinativi dell’industria. In effetti, si stima che ad aprile il fatturato si aumentato di appena 0,3 punti percentuali rispetto al mese precedente, rallentando dopo il +0,6% di marzo. Un risultato che non consente all’indice trimestrale di invertire la rotta, che riporta così una diminuzione dello 0,6% rispetto al periodo novembre-gennaio. Dalle tabelle si nota come a livello mensile l’aumento sia stato generato dal mercato estero (+1,2%) mentre quello interno ha registrato un calo. Il risultato congiunturale, invece, riflette le performance di entrambi i mercati: -0,5% per quello nazionale e -0,9% per quello estero. Rispetto a marzo risulta in calo il fatturato legato ai beni di consumo (-0,7%), mentre per gli altri raggruppamento principali di industrie gli indici mostrano incrementi. A livello trimestrale, invece, la flessione è stata generale: per i beni di consumo si registra -0,6%, per quelli strumentali un -0,3% e per quelli intermedi un -1,1%. Quel che è peggio è che anche gli ordinativi risultato in forte calo. Ad aprile quelli interni sono diminuiti dell’1% e quelli esteri dell’1,6%, comportando un calo dell’indice generale dell’1,3%. A livello trimestrale la flessione è stata di 2,9 punti percentuali, ristato che riflette il -3,7% che ha interessato il fronte nazionale e il -1,6% estero.

  • googleplus
  • linkedin

Ufficiostampa